COROBOO

COROBOO

Coroboo sviluppa una piattaforma di Big Data finalizzata a trasformare i dati aziendali in informazioni strategiche per le scelte imprenditoriali.

Da chi è formato il team, la vostra età?
Coroboo è formata da Gianni Santinelli, 39 anni, Filippo Urbini, 33 anni e Alessandro Siragusa, 38 anni.

Descrivi in poche righe l’attività che svolgerete dopo aver impiantato l’impresa
Ci occuperemo dello sviluppo commerciale e dell’offerta di servizi, puntando a sviluppare dashboard di analisi di dati sui software più richiesti. Stiamo già offrendo alcuni cruscotti interattivi, che supportano flussi collaborativi tra più parti coinvolte, che danno visibilità ai dati provenienti da alcuni gestionali, abbiamo in cantiere una dashboard per analizzare i flussi finanziari in ingresso e in uscita, tramite l’analisi delle fatture che transitano attraverso l’Agenzia delle Entrate, e altre che sono ancora in fase di studio.

L’idea nasce da una passione personale o dalla prevalente sensazione che possa produrre business?
L’idea di Coroboo è nata in seguito a diverse sollecitazioni da parte di aziende incontrate nelle nostre diverse esperienze professionali, che ci hanno espresso le loro necessità e le loro difficoltà a trovare soluzioni per dare visibilità ai propri dati.
Dopo aver raccolto numerose segnalazioni che convergevano a delineare l’opportunità di una startup, abbiamo deciso di mettere al servizio di tale idea la nostra passione e le nostre competenze, che sono assortite, complementari ed essenziali per l’esecuzione del piano.

Chi è il tuo modello di imprenditore/imprenditrice… e perché?
Erik Seidel. Non è un imprenditore in senso stretto. È un giocatore professionista di poker che da oltre 30 anni, in modo consistente, è spesso finalista di tornei di poker, superando migliaia di concorrenti.
Avere successo in un gioco così tanto influenzato da fattori esterni ignoti non controllabili è frutto di grande disciplina intellettuale, un’eccezionale capacità di analisi dell’informazione, capacità di estrapolare dati mancanti e di rielaborare un piano appena nuove informazioni diventino disponibili. Ciò riassume le complesse attività che un’azienda deve saper svolgere in un mondo in rapida evoluzione come quello in cui viviamo oggi.

A tuo parere l’ostacolo più alto per una nuova impresa qual è?
Nelle fasi preliminari della nascita di una nuova impresa è fondamentale sintonizzare la sensibilità aziendale ai segnali che arrivano dal mercato.
Pertanto ritengo che l’ostacolo più alto possa essere l’ego dei fondatori. L’errore più grave è quello di innamorarsi delle proprie convinzioni e non saperle abbandonare qualora ne siano disponibili di migliori o meglio avvalorate da nuovi dati.

Quali benefici in particolare avete ricevuto dal percorso di formazione intrapreso insieme a Nuove Idee Nuove Imprese?
Ricevere un corso intensivo, soprattutto fornito da un insieme di formatori distinti, permette di accatastare materiale e concetti che prima o poi riaffioreranno, non appena necessario.
Contemporaneamente, permette di prendere il tempo per analizzare il progetto attraverso un insieme di lenti diverse, che potenzialmente potrebbero non essere prese in esame altrimenti.

Se tu avessi davanti un politico col potere di legiferare, quale provvedimento gli chiederesti con attuazione immediata?
Riforma del sistema fiscale e recupero del sommerso anche grazie a significative liberalizzazioni. Il gettito così recuperato dovrà essere destinato per la riduzione del cuneo fiscale e per il sostegno alla digitalizzazione ed innovazione delle imprese.

Sei convinto che la pandemia abbia solo creato danni o credi si siano anche aperte delle nuove opportunità?
Come ogni periodo di cambiamento repentino, ha generato una serie di opportunità, purtroppo accessibili solo ad un sottoinsieme della popolazione coinvolta; tra chi ha potuto e saputo coglierle, c’è chi ha trovato nuovi modelli più efficaci di quelli precedenti, ad esempio portando in rete attività che prima erano prettamente offline, aumentando significativamente il mercato potenziale.

La pandemia ha rimodulato la tua idea di impresa o è rimasta invariata?
L’idea alla base di Coroboo è rimasta pressoché invariata, data la sua natura di servizio ibrido cloud e consulenziale. La sofferenza economica finanziaria indotta dal lockdown ha portato maggior consapevolezza sull’importanza che l’analisi dei dati ha al successo di un’azienda, ingrandendo il mercato potenziale.

Vi siete posti il tema dell’impatto ambientale della vostra attività? Avete immaginato soluzioni per attenuarle?
Il nostro servizio ha un design incentrato sul cloud, basato quindi sulla scalabilità dinamica dell’infrastruttura, così da impegnare unicamente le risorse prettamente necessarie per servire il carico di lavoro, evitando sprechi energetici.

Condividi

Categorie

Archivi

Associazione

Corso d’Augusto, 62
47921 Rimini
C.F. 91164170408

Tel: 0541 709096
Cell: 335 8324522

E-mail: info@nuoveideenuoveimprese.it

Iscriviti alla newsletter