LITE – Nuove Idee Nuove Imprese
filippo e virginia Dolci - LITE

La partecipazione alla cerimonia di Premiazione è gratuita e aperta a tutti. Per assicurarsi un posto in platea, occorre registrarsi  presso il seguente link:

Clicca qua per partecipare all'evento finale

filippo e virginia Dolci 1024x766 - LITE

Rispondono Filippo e Virginia Dolci

Da chi è formato il team, la vostra età?
Il nostro team è formato da due fratelli: Filippo Dolci, 28 anni e Virginia Dolci, 26 anni.

Descrivi in poche righe l’attività che svolgerete dopo aver impiantato l’impresa
F: Mi dedicherò personalmente allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi per l’azienda, a condurre ricerca applicata ad i nostri prodotti, ad instaurare rapporti e comunicare con i rivenditori esteri.
V: Io, invece, mi occuperò di gestione ed amministrazione dell’azienda, di gestire e valutare i rapporti con i fornitori e sovraintendere alla direzione dei nuovi progetti aziendali.

L’idea nasce da una passione personale o dalla prevalente sensazione che possa produrre business?
F: Entrambe. La mia passione, infatti, è velocemente mutata in un progetto imprenditoriale poiché ho percepito la possibilità di basare su di essa un business importante.
V: Sono stata coinvolta nell’ idea da mio fratello che me ne ha trasmesso la passione. Ho partecipato allo sviluppo del prodotto insieme a lui perché ne ho visto e colto il potenziale per produrre business.

Chi è il tuo modello di imprenditore/imprenditrice… e perché?
F: Non ho modelli in particolare, ammiro qualsiasi persona che si pone obiettivi (lavorativi e non) e riesce a raggiungerli tramite ingegno ad impegno.
V: Non saprei far corrispondere un nome preciso al mio modello di imprenditore/imprenditrice. Penso che chiunque sia riuscito e riesca a portare avanti un’attività in cui crede facendo fronte agli imprevisti, alle difficoltà in maniera brillante e leale verso chi collabora con lui/lei e con un occhio sempre rivolto al futuro, possa rappresentare chi vorrei essere.

A tuo parere l’ostacolo più alto per una nuova impresa qual è?
F: Sicuramente trovare le persone giuste per costituire un team e che possano contribuire efficacemente allo sviluppo del progetto. Questo perché è difficile trasmettere la tua visione imprenditoriale a persone che la vedono dall’esterno e riuscire a suscitare in loro la tua stessa motivazione.
V: A mio parere l’ostacolo più alto per una nuova impresa è quella di uscire dallo stato che io definisco di ‘guscio’. Sono necessarie, infatti, risorse economiche ed umane adeguate per potersi far conoscere ed espandere nel mercato.

Quali benefici in particolare avete ricevuto dal percorso di formazione intrapreso insieme a Nuove Idee Nuove Imprese?
F: Prima di tutto una formazione di base, che sicuramente ha contribuito ad accrescere le mie competenze in fase di programmazione del business. In aggiunta la possibilità di confrontarsi con altri start-uppers e poter apprendere nuovi spunti ed idee da loro.
V: Sicuramente molto utile la possibilità di confrontarsi e apprendere da docenti esperti e poter ricevere da loro indicazioni sulla base delle loro competenze specifiche. Ci si sente supportati e mi motiva vedere altri ragazzi e ragazze che come noi, ci stanno provando.

Se tu avessi davanti un politico col potere di legiferare, quale provvedimento gli chiederesti con attuazione immediata?
F: Nessuna in particolare. Penso che le leggi costituiscano un puzzle del nostro paese. Se si cambia solo un pezzo del puzzle si rischia di far peggio e non far combaciare più altri pezzi. Occorre buon senso e cambiare più pezzi del puzzle alla volta per farli combaciare nuovamente assieme e creare un paese migliore.
V: Ci sono troppe cose importanti da modificare per attuare il vero cambiamento. Perciò, non saprei indicare un provvedimento specifico per dare vita ad un rivoluzionamento a cascata.